Arte Giapponese


Home page | Breve storia dell'arte giapponese | Vuoi vendere? | Contattaci


VEDUTE DEL MONTE FUJI

VEDUTE DEL MONTE FUJI

Lotto 00046
N.4 xilografie ukiyo-e

Katsushika Hokusai

VEDUTE DEL MONTE FUJI

Periodo: anni '70
Condizioni: ottime
Dimensioni cad: 38,5 x 26,5 cm

 

Prezzo: € 288,00

Preferisci acquistare effettuando un bonifico o una ricarica postepay? Clicca qui »

 

Le Trentasei vedute del monte Fuji sono le stampe xilografiche più note ed apprezzate di Hokusai. La serie raffigura la montagna sacra, simbolo caratteristico e inconfondibile del Giappone, in diverse stagioni e condizioni meteorologiche da una varietà di luoghi e distanze. Nonostante il titolo, in realtà le stampe sono complessivamente quarantasei, dal momento che, a seguito del grande successo riscosso dalle prime trentasei, l'artista decise di realizzarne ulteriori dieci.

Di seguito il dettaglio delle 4 xilografie della serie presentate in questa sede (guardando l'immagine di corredo da sinistra a destra e dall'alto in basso) in una edizione realizzata, come leggiamo nei timbri apposti sul retro, dalla Takamizawa Print (高見澤忠雄).

 

Bushu Senju

Meravigliosa veduta del Fuji da Senju (千住), un sobborgo di Edo (江戸) nella provincia di Bushu (武州). Due uomini pescano sulle sponde del fiume Arakawa (荒川) mentre un viaggiatore, che porta con sé un cavallo spossato dalla fatica, guarda verso l'orizzonte attraverso delle paratoie di legno.

 

Soshu Enoshima

In questa bella xilografia policroma, Hokusai raffigura l'isola di Enoshima (江の島), nella provincia di Soshu (相州), e il grande tempio dedicato a Benzaiten (弁財天), la divinità femminile della lunga vita, della fortuna e della saggezza. L'opera mostra i pellegrini che, approfittando della bassa marea, si recano al tempio attraversando un passaggio sulla sabbia.

 

Mulino ad Onden

La situazione è quella di un gruppo di agricoltori che lavorano diligentemente in un mulino ad acqua (水車) nel villaggio di Onden (隠田): ma il protagonista invisibile è il riso, mentre il monte Fuji sembra stare a guardare in silenzio dal fondo della scena. In questa magistrale xilografia Hokusai raffigura due destini, quello della natura e quello degli uomini, che convivono armonicamente benché partecipino di due dimensioni alquanto differenti.

 

Isola Tsukuda

Bella veduta a volo d'uccello dell'isola Tsukuda (佃島), un'isola artificiale costruita più di trecento anni fa nella baia di Tokyo (東京湾), alla foce del fiume Sumida (隅田川). Nel titolo dell'opera la città viene indicata col nome di Buyo (武陽), ovvero uno dei due nomi, l'altro e più famoso è Edo (江戸), con cui veniva chiamata l'attuale capitale del Giappone.

 

Torna alla home page »


ArteGiapponese.com - Condizioni di vendita | Informativa privacy | Informativa cookie